No, Salvini che citofona a casa della gente non è solo una bravata da campagna elettorale

By Annalisa Girardi
Citofonare a una famiglia (rigorosamente tunisina), chiedere di salire in casa, accusare di traffico di droga perché così riferito da una vicina (rigorosamente italiana), fare nomi e cognomi in diretta Facebook e mostrare alle telecamere dove vivono i “presunti spacciatori”, non può essere giudicata come l’ultima bravata goliardica di Matteo Salvini in campagna elettorale. È qualcosa di molto più pericoloso: vediamo perché.
Continua a leggere

Source:: Fanpage